Diritto e libertà

18 Settembre 2018

Come è del tutto evidente, la situazione politica italiana non accenna in alcun modo ad approdare verso svolgimenti ordinati. Sono ormai quasi trent’anni che non si riesce a dare risposta al problema del governo. Finita – per la determinazione con la quale la magistratura mise fine alla degenerazione alla quale era giunto il finanziamento illecito della politica – la stagione dei “partiti”, ci si illuse che, modificando il sistema elettorale, sarebbero cambiate le cose.

10 Settembre 2018

La riflessione di Bruno Montanari pone una questione centrale. Riguarda tutti i sistemi liberaldemocratici dell’Occidente, non solo il nostro. Nell’essenziale: come raccordare governo e consenso della 'polis' (intesa come collettività, che assume come principio ordinante l’autogoverno). In un contesto, come quello economico e sociale del nostro tempo.

30 Agosto 2018

Una diarchia e un prestanome. Questo nei fatti è l’assetto di governo dell’attuale stagione politica. Naturalmente c’è ancora la fictio dei termini costituzionali: Presidente del Consiglio, Vice Presidente (due) e Ministri, dell’Interno l’uno e dello Sviluppo Economico l’altro. Che si tratti di una fictio davvero “formalistica” lo si capisce proprio attraverso i termini e, più specificamente, attraverso il loro cumulo.

28 Agosto 2018

Sono due anni, ormai, che studio il Sistema Comune di Asilo Europeo. Trattandosi di una materia complicatissima, e legata a filo stretto al tema dell’immigrazione e del diritto del mare (materie ancora più ostiche) ho visto negli ultimi tempi autorevoli professori dire egregie fesserie ogni volta che si avventuravano, anche cautamente, in un ambito che conoscevano un po’ meno bene.

27 Agosto 2018

Quando Berlusconi corre in soccorso di Salvini contro il presunto attacco giudiziario all’esecutivo, dà la misura delle perversioni a cui ha condotto la guerra dei (quasi) trent’anni tra partiti e procure e dell’irrimediabile compromissione di un lessico politico-costituzionale in grado di ordinare i rapporti sensibili tra potere politico e giudiziario.

24 Agosto 2018

Se prima era la letteratura la sede delle pulsioni politico-sociali contemporanee e delle avvisaglie di quel che stava per avvenire – giusto per fare un esempio, Daniel Defoe pubblicò il suo Robison Crusoe nel 1719, e fu un formidabile ballon d'essai tanto dell'individualismo borghese-liberale quanto del suprematismo bianco –, oggi lo spirito del tempo è rintracciabile nelle serie tv.

23 Agosto 2018

Del #metoo, delle accusatrici accusate, dello scandalo montato dallo scandalismo mediatico e politico, la cosa culturalmente più rilevante è il progressivo slittamento del 'diritto penale' in 'diritto delle vittime' (o in 'diritto per le vittime') e quindi l’equivalenza tra l’accusa e la condanna, tra il sospetto e l’indegnità. È un meccanismo classicamente inquisitorio.

22 Agosto 2018

All’indomani dei fastosi Mondiali di calcio, la Russia è stata raggiunta da una raffica di cartellini gialli della Corte europea dei diritti dell’uomo. Qui ci soffermiamo sulle due decisioni del 17 luglio nei più celebri casi della carcerazione delle Pussy Riot e del misterioso assassinio della giornalista Anna Politkovskaya. ‘Vergine Maria, liberaci da Putin!’ (‘Virgin Mary, Drive Putin Away’).