Diritto e libertà

28 Aprile 2020

La conferenza stampa di domenica sera del Presidente del Consiglio Conte sulle anticipazioni della fase due sembra abbia disvelato la sostanziale natura liberticida della gestione italiana dell’emergenza Covid-19, seppure con le migliori intenzioni.

27 Aprile 2020

Conoscete la routine del reparto di degenza di un ospedale? Forse siete stati ricoverati o comunque avete assistito un vostro caro...Vi vorrei raccontare la mia esperienza in proposito perché, ricordandola e ripensandola, ritengo di avere preso coscienza di alcune cose, cui prima non badavo consapevolmente. La prima di tutte è che un ospedale pre Coronavirus era un luogo aperto.

22 Aprile 2020

Sono i giorni in cui impazza la discussione pubblica sull’App di contact tracing annunciata dal governo (Immuni), in oscillazione tra i poli di chi ipersemplifica e banalizza i rischi etici e legali di cui essa è foriera (a cui ieri si è aggiunto Carlo Cottarelli su twitter), e chi li esaspera attraverso un’interpretazione fondamentalista del diritto fondamentale alla protezione dei dati personali. Proviamo a fare ordine.

20 Aprile 2020

“Il garantismo italiano negli ultimi 25 anni è stato maggioritariamente una storia di puttane, che hanno sbandierato Beccaria solo per vendersi meglio.” Roberto Saviano, oggi su Repubblica.

20 Aprile 2020

Se si muove, indagalo. Va bene (si fa per dire) se rimane l’approccio del pubblico ministero. Ma è un disastro quando l’impostazione è assunta a formula di governo: e questa è ormai la cifra del dibattito generale sulla ripresa delle attività produttive e commerciali, con il pericolo di infiltrazione della criminalità organizzata elevato a criterio orientativo di qualsiasi intervento pubblico.

18 Aprile 2020

Mentre la pandemia da coronavirus non accenna a diminuire mietendo vittime non solo tra persone anziane e debilitate ma anche tra i più giovani, l’opera di disinformazione del Cremlino sul Covid-19, veicolata dai media a esso collegati, fa segnare un incremento di natura quantitativa e qualitativa che è opportuno analizzare perché foriera di gravi conseguenze a livello politico e geopolitico.

09 Aprile 2020

Il decreto con cui i ministri Di Maio, Speranza, Lamorgese e De Micheli hanno ieri chiuso i porti alle imbarcazioni delle ONG straniere e ai 150 naufraghi della Alan Kurdi è il topo morto che annuncia non l’arrivo, ma il dilagare incontrastato della peste politica sovranista nella sedicente roccaforte della “resistenza democratica”.

07 Aprile 2020

Una delle più odiose balle di questi strani e deprimenti giorni è quella del "modello italiano", quotidianamente rilanciata a media unificati (e con l'orgoglio dei cornuti, dovremmo dire). Perché, se è vero che giornali e TV straniere intervistano i nostri governanti, per capire a che punto sia la situazione nel Paese in cui l'epidemia è stata troppo a lungo fuori controllo, è anche vero che il lockdown, che non è un'invenzione italiana e neanche cinese, viene declinato in maniera diversa da Stato a Stato, con punti di caduta pratici diversissimi.