Diritto e libertà

22 Marzo 2018

Aveva ragione Augusto Del Noce: lo spirito della modernità europea è stato essenzialmente critica feroce alla tradizione, critica ai freni che impediscono all’uomo di trascendersi, nel senso prettamente terrestre di mutare nel nuovo, nel meglio. Tale spirito moderno e illuministico ha condotto le élite sino alla contemporaneità a considerare ogni movimento conservatore e reazionario come 'male intrinseco'.

21 Marzo 2018

La modalità comunicativa con la quale si va discutendo e comunicando alla 'gente' il risultato elettorale si rivolge, come ormai è consuetudine, alla 'pancia' e non alla 'testa': le pulsioni si contrappongono al ragionamento ed alla comprensione della realtà. Allora, ora provo a parlare alla 'testa'. Un preambolo semantico. Per mezzo delle elezioni non si “elegge” un governo, ma un parlamento: si eleggono deputati e senatori, non un Presidente del Consiglio né ministri.

09 Marzo 2018

Sulla vicenda di Toni Iwobi primo senatore nero e leghista si stanno leggendo esagerazioni da una parte e dall’altra. Sono sgradevoli (quando non meramente goliardici) i paragoni col personaggio di Samuel L. Jackson in Django o addirittura gli epiteti di 'negro da salotto' che riportava giustamente schifato qualche amico sui social network. Però non ridurrei nemmeno la questione a un: 'perché un nero non può essere di destra?'.

21 Febbraio 2018

Cos’è la Patria? Cosa è oggi? E’ terra, possedimento? E’ confine, recinto? Possiamo ancora considerarla un fatto prevalentemente 'geografico'? La Patria e la sovranità, come le intendono antistoricamente gli odierni rigurgiti nazional-pupulisti, hanno definitivamente perso ogni possibilità il 6 agosto 1991, quando Tim Berners-Lee pubblicò al CERN il primo sito web della storia. La globalizzazione, prima di essere un fatto economico, è stata ed è un fatto politico.

05 Febbraio 2018

I singoli casi di cronaca, anche quando molto gravi, raccontano poco di un contesto sociale, mentre le reazioni ci dicono molto di più. Vale anche per l’attentato di Macerata, che ha scosso fortemente l’opinione pubblica, addirittura superando le peggiori impressioni sulle nostre tensioni civili, e che impone degli interrogativi. Che differenza c’è fra un tizio che si mette a sparare contro bersagli precisi in nome dell’italianità e chi si mette a farlo in nome di Allah?

26 Gennaio 2018

Proibire per legge un comportamento giudicato nocivo per la persona che lo compie è una pratica diffusa, non solo in Italia. In nessun caso l’effetto sortito è la rimozione del comportamento vietato. Una conseguenza certa però c’è: chi lo compie è un criminale. Piantare semi di cannabis è un reato gravissimo, punibile fino a 12 anni. Acquistare cannabis dallo spacciatore all’angolo della stazione centrale invece no.

25 Gennaio 2018

Chi scrive considera la questione che passa per il nome di Fake News come un problema molto importante che coinvolge una delle forme di comunicazione - quella social on line - fondamentale nella nostra epoca, e sull'argomento ne ha scritto anche qui e su altri siti. Pertanto, si potrebbe pensare che io sia rimasto deliziato dall'iniziativa del ministro Minniti sul contrasto al fenomeno.

22 Gennaio 2018

Se volessimo descrivere in poche parole la nuova mossa del ministro dell’Interno Marco Minniti per il contrasto alle fake news, potremmo forse riassumerla così: debunking di Stato, operato dalla forza pubblica. L’idea è infatti quella di affidare alla Polizia di Stato la raccolta delle segnalazioni su fake news presenti online e le azioni conseguenti.