Istituzioni ed economia

26 Giugno 2020

Da qualche anno si discute inutilmente del riequilibrio della spesa previdenziale attraverso un parziale ricalcolo dei trattamenti retributivi. La motivazione non è solo la necessità di reperire “intra-welfare” risorse necessarie per interventi in Italia negletti (ad esempio le politiche pro family), ma anche di ristabilire il principio che il sussidio pubblico implicito nella pensione in tutti i sistemi solidaristici, a partire dal generoso “retributivo”, va rapportato e obiettivi di solidarietà di ordine generale.

22 Giugno 2020

I governi dei Paesi cosiddetti 'frugali' saranno anche brutti e cattivi, perché restii ad accollarsi i debiti di quelli del Sud, ma quanto rispetto c’è, in questa posizione, verso i propri cittadini? Intervistato in vista del Consiglio europeo del 19 giugno, il Ministro delle finanze austriaco, Gernot Blümel (classe 1981), ha spiegato di non poter accettare le proporzioni fra prestiti e contributi del Recovery Fund suggerite dalla Commissione.

22 Giugno 2020

Finalmente l’anno scolastico colpito dall’emergenza sanitaria del Covid 19 è arrivato al termine e con esso i consigli di classe per lo scrutinio della valutazione degli studenti. La nostra Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha emesso a maggio un ordinanza che disciplina la valutazione di quest’anno.

19 Giugno 2020

Lo scorso 27 Maggio la Commissione europea ha presentato il Next Generation EU, un Recovery Fund da 750 miliardi, divisi tra grants (sovvenzioni, per 500 mld) e loans (prestiti, per 250 mld). Si attende ora il Consiglio Europeo di venerdì 19 Giugno che però, da quanto si apprende, non sarà definitivo.

18 Giugno 2020

Una delle forme in cui il complesso di superiorità della sinistra si è espresso nella storia della Repubblica è stato l'esibito e doloroso spirito di servizio per la salvezza della Nazione. La sinistra di tradizione o origine comunista si è sempre “sacrificata”.

13 Giugno 2020

La storia politica del populismo grillino ha preso corso, si è sviluppata e sta compiendosi secondo la tradizione inesausta del solito fascismo italico: classi dirigenti perlopiù interessate alla manutenzione della propria irresponsabilità e un sistema dell’informazione eternamente impegnato a garantirla hanno prescelto la piazza sediziosa del vaffanculo

08 Giugno 2020

Il cosiddetto federalismo è stato in Italia uno strumento di scontro territoriale e di contesa del potere politico per definizione, quello di spesa. Il federalismo italiano non è mai stato politicamente autonomistico, né nelle sue forme speciali (nordiste e sudiste, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta), né in quelle ordinarie,

05 Giugno 2020

Giuseppe Conte non è un populista: è un demagogo… con la pochette (il che gli dà quella credibilità che piazzisti e venditori porta-a-porta di sub-religioni settarie cercano di avere indossando, appunto, giacca e cravatta). Il populismo è – nella sua accezione post-moderna – un'ideologia semplicistica e manichea che colloca il popolo da un lato, nella colonna dei "buoni", e le élite dall'altro, in quella dei "cattivi" (c'è un che d'infantilistico: l'infantilizzazione delle masse è una pre-condizione necessaria perché la retorica populista attecchisca).