Istituzioni ed economia

11 Luglio 2018

Sono passati 23 anni dal crimine genocida di Srebrenica e quello cui l'Europa assistette inerme, più che un colpo di coda del passato balcanico, sembra oggi un presagio del futuro europeo. L’esplosione della ex Jugoslavia apparve ai più l’ultimo tempo del Novecento e delle sue guerre, che anche simbolicamente, come era iniziato, andava anche a finire a Sarajevo.

10 Luglio 2018

Tutto il mondo pensa a questi ragazzi intrappolati in una grotta in Thailandia. Ma com'è andata la cosa? È andata che pioveva, e per ripararsi sono entrati nella grotta. E più pioveva e saliva l'acqua, invece di tornare indietro, più hanno proseguito con la loro idea iniziale, allontanandosi dall'entrata. E più andavano avanti, e più si allontanavano, più vedevano le difficoltà.

09 Luglio 2018

L’Assemblea Nazionale del PD è stata dominata dall’intervento di Matteo Renzi, che è insieme ancora troppo forte per essere “licenziato” e archiviato come il colpevole della disfatta elettorale e troppo debole per rappresentare un’alternativa vincente per il PD del futuro. Non ci sono veri competitor interni a Renzi, che se si presentasse alle primarie potrebbe forse pure rivincerle.

06 Luglio 2018

Pubblichiamo il testo della prima parte della relazione annuale illustrata dal presidente dell’Inps Tito Boeri alla Camera dei Deputati. Parole molto significative e coraggiose, soprattutto in questa particolare fase politica e pronunciate di fronte a questa maggioranza parlamentare. Parole secondo noi meritevoli di lettura e riflessione. 

05 Luglio 2018

Il primo provvedimento significativo del governo Giallo/Verde è l’ennesimo intervento urgente di “riforma” del diritto del lavoro. In piena sintonia con tanti precedenti governi, e quindi per nulla in “cambiamento”, si decide di ritoccare quanto, in vero, meriterebbe ancora sperimentazione ed applicazione compiuta.

04 Luglio 2018

Il Governo gialloverde non è un esecutivo “di destra” e l’alternativa non può e non deve essere “di sinistra”. Il saldarsi di questo fronte etno-nazionalista e costitutivamente antieuropeo è a suo modo rivoluzionario e va interpretato con categorie diverse, evitando riflessi consolatori e coperte di Linus.

04 Luglio 2018

Si può essere euroscettici, e finanche manifestare pubblicamente posizioni politiche contro l’Unione europea. Questo è il sale della democrazia liberale: ognuno ha diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero. La particolarità, però, di questo regime di governo sta nella predisposizione a sviluppare anticorpi idonei a contenere anche pericolose “opzioni di rottura”.

03 Luglio 2018

Armando Siri, il Sottosegretario ai trasporti che non conosce il nome del titolare del suo dicastero, ha avuto un’idea, e l’ha esposta alcuni giorni fa al Corriere della Sera. C’è da coprire il costo di una “super-manovra” per il 2019, e Siri lo dice subito: costerà 70 miliardi di euro. Ma, testuale, “poco importa”: le coperture si trovano. Come?