Istituzioni ed economia

09 Ottobre 2019

Forse non vi siete accorti che il governo nuovo è diverso dal precedente solo per la facciata. Che offende la democrazia rappresentativa quanto e più del precedente, poiché ha trasformato in legge il principio che chi svolge funzioni di rappresentanza è solo un costo per lo Stato. Che si è fatto gioco della costituzione solo per consentire a un gruppo di scappati di casa di girare un video osceno.

03 Ottobre 2019

La continuità del Governo Conte con quello omonimo e precedente non è solo nella composizione e nelle scelte, ma nella logica sottesa alla stessa natura dell’impresa, di cui le singole scelte – a partire da quelle di bilancio - sono conseguenze necessitate e sostanzialmente inevitabili.

01 Ottobre 2019

Essere europei significa sempre di più avere una piena coscienza europea, con la consapevolezza che non solo quanto accade a Parigi influenza la vita a Roma e quanto succede a Berlino abbia effetti sul futuro di Madrid, ma anche che sono interconnesse le vicende di località meno note di province europee oggi legate in filiere continentali ed internazionali.

26 Settembre 2019

"Chi siete? Quanti siete? Cosa portate? Un fiorino". Chi non ricorda la famosa scena di "Non ci resta che piangere"? Gli effetti di quel fiorino però, nel "1400 quasi 1500" li sentivano soprattutto i due malcapitati. Ma nel mondo di oggi non è così.

25 Settembre 2019

Dall’invito ai corretti stili di comportamento allo stimolo a un salutare civismo, sono molte le raccomandazioni che la politica rivolge ai cittadini. Così come sono numerose le campagne messe in campo per istruire, educare, sensibilizzare e prevenire i rischi delle più disparate devianze sociali.

20 Settembre 2019

Lo scisma del “Giglio magico” è, in fondo, l’eresia di Renzi contro l’ortodossia renziana della vocazione maggioritaria e del Partito complesso, plurale e liberale. Più che l’accusa di tradimento, quindi, vale, a mio parere, quella di contraddizione interna, nei limiti di una operazione – tutta di Palazzo – non degna della rottamazione guascona e nuovista del riformista radicale Renzi ma della negromanzia del vecchio che ritorna.

16 Settembre 2019

Tutto quel che si muove nella politica (istituzionale) italiana sembra un mezzo in vista di un unico fine, il “partito di Renzi”. Non è troppo chiaro cosa muova e tenga insieme un disegno che ha così tanti attori, mossi, teoricamente, da interessi diversi da quelli di Renzi e pure volonterosamente al servizio dell’ex leader del PD, per dargli tempo, per fargli spazio e perfino per fornirgli gli alibi della rottura.

16 Settembre 2019

Il Governo Conte 2 non è il mio Governo d’elezione. Non ne ho condiviso, insieme a tanti altri democratici, la tattica politica che ne ha portato la genesi e temo l’incontro/scontro con il populismo del Movimento di Grillo. Ho creduto, e credo ancora, alla differenza tra Destra e Sinistra e penso che, oggi, tale contrapposizione si manifesti nella dialettica tra la Società Aperta del sistema liberale fondato sul principio di rappresentanza e la Società Chiusa/perfetta dei semplicisti e manichei che lucrano sulle paure della gente.