Istituzioni ed economia

12 Settembre 2022

“Monarchia” può, tocquevillianamente e sul piano squisitamente teorico, essere inteso come esatto contrario di “democrazia”: l'esistenza stessa di una pur ristrettissima cerchia di persone superiori, sul piano politico-istituzionale e sociale,

Leggi tutto...
07 Settembre 2022

Bisogna guardare alla guerra e all’Ucraina per restituire un minimo sindacale di verità a una campagna elettorale in cui la logica maggioritaria serve ormai solo per dissimulare un regime politico sostanzialmente “monopartitico”, privo di alternative interne e ovviamente avverso a alternative esterne al perimetro della destra e della sinistra ufficiale.

Leggi tutto...
19 Agosto 2022

Le vicende della guerra mossa da Putin contro l’Ucraina e della crisi del governo Draghi, hanno impresso ai processi politici una fortissima accelerazione e hanno costretto molti protagonisti della politica a gettare la maschera.

Leggi tutto...
15 Agosto 2022

Ci sarebbe davvero bisogno di un "credo laico" in Italia, di un rinnovato "I care" - quello di don Milani, ad esempio – capace di spingere la fede personale, la passione delle motivazioni "alte", verso l'azione e la prassi della partecipazione alla vita degli altri, all'impegno sociale.

Leggi tutto...
06 Agosto 2022

Lascio ad altri le battute sulla coerenza di Calenda e Bonino, dopo che di tale categoria i due si erano fatti vanto solo una decina di giorni fa lanciando il “Fronte Repubblicano”. Due sono, a parer mio, gli errori politici di fondo commessi da Azione e Più Europa nel raggiungere un accordo col Partito Democratico.

Leggi tutto...
03 Agosto 2022

Nel 2019, su Il Mulino, Peppe Provenzano e Emanuele Felice, auspicavano una rinnovata alleanza tra liberali e socialisti. La lotta all'iniquità, infatti, rimane il collante decisivo che unisce il liberalismo delle (e per le) masse e il socialismo democratico.

Leggi tutto...
03 Agosto 2022

Il patto elettorale di ieri tra PD e Azione/+Europa è stato generalmente giustificato (anche dal protagonista più riluttante, Calenda) come un accordo obbligato per fronteggiare il pericolo “delle destre”, che in ossequio a un inveterato conformismo lessicale nell’Italia progressista si declinano sempre al plurale. “Destre” anche quando, come oggi è evidente, di destra ne è rimasta una sola, la peggiore.

Leggi tutto...
26 Luglio 2022

Esattamente dieci anni fa oggi Mario Draghi pronunciò alla Global Investment Conference di Londra la frase che salvò la moneta unica e, in prospettiva, le sorti dell’Unione Europea, allora destabilizzata come non mai dalla crisi del debito sovrano. «La BCE è pronta a fare tutto il necessario per preservare l’euro; e credetemi, sarà sufficiente».

Leggi tutto...