Istituzioni ed economia

11 Dicembre 2014

Il Dalai Lama sbarca a Roma per partecipare al XIV World Summit dei Nobel per la pace, che avrebbe dovuto tenersi a Pretoria in onore di Mandela ed è stato dirottato in Italia perché il governo sudafricano, su pressione cinese, ha negato il visto di ingresso al leader politico-religioso del buddismo tibetano. Al suo arrivo in Italia, la cortina di ferro montata dai cinesi attorno alla sua persona, resa molto persuasiva dalla minaccia esplicita di ritorsioni economiche e diplomatiche, gli impedirà qualunque incontro politicamente significativo.

09 Dicembre 2014

Tel Aviv – Israele andrà ad elezioni anticipate il prossimo 17 marzo. Il terzo governo di Benjamin "Bibi" Netanyahu è caduto a poco più di un anno dall'insediamento per volontà dello stesso Netanyahu, convinto della inevitabilità di una sua riconferma. Caduto sul pretesto della controversa legge sulla ebraicità che la Knesset si accingeva a discutere, ed il presunto "golpe" – smentito dagli interessati – orchestrato secondo Netanyahu dal ministro della giustizia Tzipi Livni.

05 Dicembre 2014

Più che le cronache, che sono ricche e colorite come si conviene (purtroppo) alle caratteristiche dei personaggi, sono le analisi e i commenti sullo scandalo della cosiddetta mafia romana a rischiare una lettura stereotipata e televisiva del romanzo comunale capitolino. Dare la stura al moralismo antipolitico o antifascista o a quella sorta di qualunquismo trasversale, che segue sempre, a ogni latitudine, gli scandali di mazzettopoli, in questo caso è particolarmente facile, ma altrettanto inutile.

04 Dicembre 2014

Continueranno in tanti - quelli di sinistra - a dirvi che l'Articolo 18 old-style era ed è un falso problema e che i casi di reintegro nel posto di lavoro sono in realtà pochi. Ma non aggiungeranno che quel che conta era l'enorme freno alle assunzioni e agli investimenti in Italia che quella norma ha prodotto per decenni. Vi evidenzieranno, i compagni, che la questione dell'Articolo 18 ha una carica politica che prevarica molte questioni di merito.

01 Dicembre 2014

Compiuto il primo giro di boa alla Camera, la legge di Stabilità si prepara ad affrontare il passaggio al Senato. Subirà qualche ulteriore modifica, ma l'impianto complessivo è ormai consolidato e consente di esprimere alcuni giudizi. Io mi limito a tre. Il primo, il più crudo: non è purtroppo vero, come ripetono il premier Renzi e il ministro Padoan che la Stabilità riduce le tasse di 18 miliardi.

27 Novembre 2014

Mantenere il proprio rango. Il concetto ha un che di antiquato, un profumo di "ancien régime". Tuttavia, è questo che, nella testa della classe dirigente francese, presiede ancora oggi alla definizione del ruolo e della posizione della Francia nel mondo. Ma di quale rango si parla? Quello passato, della Francia-grande potenza, con un ritorno alle alleanze di retroguardia come alcuni sembrano preconizzare?

26 Novembre 2014

Sembra una pièce comica di Corrado Guzzanti, quella della destra italiana ereditata da un comunista padano con la felpa e l'orecchino, che difende l'ordine e la disciplina del regime nord-coreano e si mette disciplinatamente in coda al bancomat di Mosca, dopo Marine Le Pen, per finanziare la battaglia di resistenza umana contro la dittatura mondialista e il pensiero unico yankee.

24 Novembre 2014

Il risultato delle elezioni si presta a una duplice chiave di lettura: la prima, più congiunturale, riguarda gli effetti che esso avrà sugli equilibri politici nazionali; la seconda il consolidamento dell'antipolitica come tendenza di fondo e "regola" del gioco democratico. Quanto al primo aspetto, è successo quel che si prevedeva succedesse, in misura anche superiore al previsto. Il PD ha stravinto tra i vincenti e Salvini tra i perdenti, quest'ultimo soppiantando l'egemonia grillina nella rappresentanza degli "indignati".