Terza pagina

27 Luglio 2016

A Clockwork Orange, di Anthony Burgess, è uno dei romanzi che maggiormente ha segnato l’immaginario della generazione nata nel dopoguerra. Esso rappresenta l’idea che la capacità di commettere violenza estrema, presente in via potenziale all’interno del tessuto connettivo della persona umana, possa svilupparsi liberamente in presenza di condizioni esistenziali quali il disprezzo per gli altri, l’asocialità, la non progettualità, il vuoto dei valori.

23 Luglio 2016

Sono tedesco, Allah è grande. Le parole dell'uomo, del ragazzo che ha tenuto in scacco per ore una città di un milione di abitanti, uccidendo nove persone compreso se stesso, risuonano, nella loro tragica incoerenza, nei cervelli di tutti noi, lasciandoci attoniti, incapaci di dare un giudizio razionale. Sono parole che le fonti ufficiali della polizia tedesca non confermano.

21 Luglio 2016

Nonostante il titolo, il tema di questo articolo non è che cosa resterà degli anni ottanta. Capita a volte di rileggere libri che si sono letti da ragazzini e capita di capirli meglio. Sia perché da adulti si dispone di più strumenti concettuali, ma anche, a volte, perché al mutare dei tempi e degli umori storici, certe cose appaiono più attuali. È il caso, ahimè, di 1984 di George Orwell.

19 Luglio 2016

Sembrerà paradossale, ma sono giunto alla conclusione che, almeno in Italia, dovremmo smettere di utilizzare il termine ‘liberale’ per identificare quel filone culturale che ha, tra i suoi padri spirituali, i libri e gli scritti di Smith, Hayek ed Einaudi. La prima ragione consiste nel fatto che oggi il termine ‘liberale’ non identifica più un univoco modello interpretativo della realtà.

13 Luglio 2016

Non avrei voluto dare questa mia testimonianza, non solo per la ragione sottesa, straziante, che merita rispetto, ma anche perché non pensavo di avere nulla d’interessante da dire in merito al disastro ferroviario che ha coinvolto la mia città, la Ferrotramviaria e, soprattutto, gli altri pendolari che incontro ogni giorno. Soprattutto, penso che a parlare debbano essere le autorità competenti, nei tempi e nei modi di legge.

12 Luglio 2016

Dopo il grande successo di pubblico nelle precedenti tappe di Roma, Bologna e Treviso, lo scorso 24 giugno ha inaugurato a Milano, nella sede di Palazzo Reale, la mostra di un artista molto noto al grande pubblico: Maurits Cornelis Escher (1898- 1972). La mostra, che proseguirà fino a fine gennaio 2017, si preannuncia senz’altro un buon affare dal punto di vista dei biglietti venduti.

04 Luglio 2016

Quanto siamo consapevoli dei contenuti che quotidianamente affidiamo al web? E quanto ragioniamo sulle notizie e sulle immagini che si affacciano nelle nostre case attraverso le schermate blu dei nostri profili social? Uno dei temi protagonisti degli ultimi tempi, nei social e nei media in generale, è stata ovviamente la Brexit.

23 Giugno 2016

Nell’Italia appena travolta dal vortice pentastellato, che tra entusiasmi e perplessità vince ovunque i ballottaggi con percentuali bulgare, in quel del Lago d’Iseo un artista, ironia della sorte bulgaro anche lui (ma solo d’origine), prova a sperimentare l’impossibile. In ambito artistico è il fatto del momento. Tutti ne parlano, tutti ci vogliono andare.