Scienza e razionalità

04 Aprile 2020

Io non so per quale malinteso spirito di servizio politico-patriottico la generalità dei TG italiani abbia scelto non di informare, ma di collaborare alla “comunicazione” dell’esecutivo, cioè di non parlare degli esiti delle strategie di contenimento, ma di rassicurare, orientare, minacciare l’opinione pubblica con il solo obiettivo

20 Marzo 2020

Siamo tutti più o meno in attesa di una luce in fondo al tunnel, che ancora non si vede e siamo consapevoli che della nuova peste globale sono più le cose che non si sanno che quelle che si sanno e di queste sole la “scienza” può dare vera testimonianza.

19 Marzo 2020

È difficile restare lucidi quando si combatte un’emergenza. Ce ne rendiamo conto leggendo alcuni tentativi di spiegare la pandemia da SARS-CoV-2, che talvolta cadono in tentazioni deterministiche portate all’estremo. Assistiamo ad un particolare tipo di  naturismo che, concentrato a demolire un certo neopositivismo, pare dimenticare l’esistenza del caso come fattore connaturato alla vita stessa e alla sua evoluzione.

14 Marzo 2020

L’italico vagheggiamento del “modello cinese” non ha nulla a che vedere col desiderio di imitazione delle presunte capacità dimostrate dal Paese asiatico nella gestione della crisi da Coronavirus.

08 Marzo 2020

Le polemiche di queste ore sulla diffusione anticipata della bozza dell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sono una fiera della buona coscienza a buon mercato. Chi l’ha anticipata alla stampa e le testate che l’hanno pubblicata hanno continuato a fare della “realtà parallela” dell’informazione una dimensione separata dai processi di comunicazione pubblica, essenziali per la gestione ordinata di qualunque crisi sociale.

23 Febbraio 2020

Ciascuno di noi compie ogni giorno una serie di impliciti e anche inconsapevoli atti di fiducia. Prende l’ascensore, la metropolitana, il treno, l’aereo, oppure ordina un bonifico, effettua un pagamento su Amazon o PayPal e manda un’email confidando sul fatto che, dietro ogni suo atto, ci sia un sistema che non è solo fatto di uomini ma di regole e di istituzioni.

31 Dicembre 2019

Un’assunzione che spesso viene fatta da giuristi, politici etc. quando toccano i temi legati alla sicurezza nel mondo digitale è che a rischio siano i nostri dati. Il problema diventa quindi rapidamente un problema, quasi contabile, di chi è proprietario di questi dati e di chi detiene diritti, e quali, su di essi. 

17 Dicembre 2019

C’è traccia, puzza e effetto di droga solo nel frastuono istituzionale orchestrato dalla Presidente Casellati e interpretato dalle grancasse dell’ex centro-destra e neo centro-sprofondo populista sullo “Stato spacciatore” e sul pericolo della cannabis light.