Istituzioni ed economia

15 Ottobre 2014

Una premessa: oggi il Parlamento riesce a votare il rinvio del pareggio di bilancio al 2017 senza conseguenze rilevanti sul mercato dei titoli pubblici, e il governo Renzi azzarda una legge di stabilità con coperture finanziarie non granitiche, perché a Francoforte c'è un signore che ha tracciato una linea di politica monetaria fortemente espansiva e protettiva nei confronti dei paesi più indebitati.

06 Ottobre 2014

Dall'inizio della crisi economica e finanziaria nel 2009, i cittadini europei assistono, impotenti, all'opposizione sterile tra gli Stati Membri fautori della politica dell'offerta e gli Stati Membri partigiani della politica della domanda. A più di sei mesi dall'invasione e dall'annessione della Crimea da parte di Mosca, mentre le forze russe proseguono, malgrado la tregua, la loro conquista militare del Donbass, non ci è ancora dato di vedere il lancio, pertanto annunciato, di una ambiziosa politica europea dell'energia. Due esempi emblematici dello stato della nostra Unione.

02 Ottobre 2014

Che ne è della guerra, anzi della tregua, ovvero della pace tra Israele e palestinesi? Anche di questo si è discusso, poco, all'annuale assemblea dell'Onu appena celebrata, dove l'attenzione sul Medio Oriente è stata forte, certo, ma per Isis (o Isil o Is), Iraq, Siria non Gaza e West Bank.

29 Settembre 2014

Uno degli elementi più inquietanti del modo in cui l'affare ucraino viene generalmente affrontato, risiede nel modo in cui la questione della natura del regime politico del paese aggressore viene costantemente omessa. Certo, la Russia di oggi non è l'Urss staliniana e neppure brezneviana, né la Germania nazista, né l'Italia fascista, e neanche la Cina bolscevico-confuciana. È un po' di tutto questo ed è, allo stesso tempo, qualcosa di completamente diverso.

23 Settembre 2014

A quarant'anni passati è possibile che un lavoro non lo si trovi comunque, anche a regole di mercato più universali delle attuali.
Il mercato del lavoro cerca giovani, ed è comprensibile che sia così, non solo per i costi minori. Quarant'anni è (sarebbe) l'età del salto professionale tra livello medio e senior, non del ricollocamento di figure uscite dal mercato, causa crisi. Il salto professionale si fa in continuità, non per scarto da un impegno professionale ad uno stop di attività, ad un nuovo impegno professionale omologo al precedente.

22 Settembre 2014

Una cosa ci ha insegnato la stagione del governo Monti: riforme annacquate dalla mediazione di troppi interessi diversi (vedi la riforma del lavoro Fornero o il pacchetto liberalizzazioni) finiscono per essere un boomerang per lo stesso governo che le promuove. All'impopolarità di averle realizzate si aggiunge l'ignominia per la loro scarsa efficacia. Un'altra lezione che il sottoscritto ha imparato riguarda l'atteggiamento degli spiriti innovatori più radicali rispetto a tali tentativi di riforma: considerandoli insufficienti, ne diventano subito severi avversari, finendo per sommare le loro critiche a quelle dei reazionari più reazionari.

22 Settembre 2014

La politica monetaria negli Stati Uniti vive una fase di assoluta discrezionalità da almeno due decenni. Il quantitative easing (QE) è solo l'ultima, titanica manifestazione di una condotta inaugurata ben prima del crack Lehman del 2008 e dei mutui sub-prime del 2007. Una condotta che in venti anni ha gradualmente accantonato l'economia reale per fare fronte prima alle esigenze, poi alle richieste pressanti, e infine ai gravi dissesti della grande finanza.

19 Settembre 2014

Sono passati ormai trentacinque anni da quando, nel 1976, Francis Ford Coppola ebbe la geniale intuizione di incentrare la trama di Apocalypse Now, una delle più grandi epopee su pellicola mai realizzate, sulla metafora del viaggio lungo un fiume che rappresenta, con un simbolismo che evoca il traghetto di Caronte, la discesa agli inferi della cultura occidentale, il suo lento ed inesorabile processo di declino e putrefazione