Istituzioni ed economia

24 Luglio 2017

Castell'Umberto, provincia di Messina. Più di 3 mila abitanti. E le barricate (del sindaco e di numerosi residenti) contro l'arrivo di 50 migranti in un ex agriturismo nel Comune a fianco (ma gli allacciamenti sono di competenza di Castell'Umberto). Il primo cittadino del centro del Messinese ha tuonato di essere stato avvertito dalla Prefettura a giochi quasi fatti: "Violenza istituzionale". La sua lamentela ha anche dell'altro: la struttura sarebbe inagibile e morosa da anni su acqua e luce.

Leggi tutto...
20 Luglio 2017

Due settimane fa la Commissione UE ha annunciato il raggiungimento di un accordo quadro col Giappone che potrà portare ad un vero e proprio Accordo di libero scambio e di partenariato strategico. Un negoziato partito con grande prudenza (e un po' di diffidenza, come dissi intervenendo in aula al Parlamento Europeo l'11 giugno 2011). Con tutti i limiti del progetto europeo, dopo la sospensione del TTIP per colpa degli USA e l'approvazione dell'accordo con il Canada (CETA), ecco un'altra grande iniziativa per la crescita della nostra economia.

Leggi tutto...
19 Luglio 2017

In queste settimane si è parlato e discusso della proposta di offrire a una platea varia di laureati (prima a tutti, poi solo a quelli in corso, poi solo ai futuri laureati) il riscatto gratuito degli anni di laurea. L'idea è intesa a garantire una qualche forma di compensazione pensionistica a quelle centinaia di migliaia di lavoratori giovani che, al momento della pensione, avranno una contribuzione scarsa e insufficiente.

Leggi tutto...
13 Luglio 2017

La morte di Liu Xiaobo è una notizia triste, la sua proposta politica, che gli ha meritato il premio Nobel per la Pace e una lunga e ingiusta detenzione nelle carceri cinesi, può ancora rivelarsi profetica. Havel ha costruito, durante lunghi anni di prigionia e dissidenza politica, l’idea democratica che avrebbe poi avuto la fortuna di interpretare in prima persona, dopo la caduta del Muro. L’Havel cinese Liu Xiaobo non ha avuto questa fortuna.

Leggi tutto...
13 Luglio 2017

Nel 1963 finivo la prima elementare. A Valle Mosso, il paese, con Trivero, con il più grande concentrato di operai e fabbriche d'Europa. Tessili ovviamente. Avendo vinto il primo premio, Banca Sella mi diede un libretto di risparmio di 2000 lire. Allora in prima elementare ti inculcavano la religione del risparmio. Oggi la religione è il consumo, quindi i Paesi che producono e risparmiano, come la Germania, sono additati come i "cattivi".

Leggi tutto...
11 Luglio 2017

Caro Matteo, provo a prenderti in parola e a dialogare con te sulla questione immigrazione. Da qualche tempo studio i fenomeni migratori del continente africano del quale ho esperienza diretta, avendoci vissuto e lavorato come esperto della cooperazione internazionale, e ora sto completando un dottorato sul nesso 'migrazioni – sviluppo'. Capisco che l’approccio dello studioso può essere diverso da quello del politico.

Leggi tutto...
11 Luglio 2017

Renzi sfida l’UE: vuole un deficit al 2,9% per cinque anni. Delrio, su La Stampa, afferma: “È venuto il momento di dirlo: firmare il Fiscal compact e il pareggio di bilancio in Costituzione è stato un grave errore. Probabilmente in quel momento non si poteva fare altrimenti, ma ciò non toglie che le cose vanno cambiate”. Probabilmente sono fesso io, che mi sarei aspettato barricate di protesta dopo queste esternazioni.

Leggi tutto...
10 Luglio 2017

Aumentare il deficit per ridurre le tasse. In soldoni, questa è la principale proposta del nuovo libro di Matteo Renzi, uscito in questi giorni e già foriero di attenzioni mediatiche e polemiche politiche. Renzi sembra aver scovato l'uovo di Colombo: abbandonare le regole del Fiscal Compact (il progressivo percorso verso il pareggio di bilancio) e tornare alla famigerata formula di Maastricht.

Leggi tutto...